Come-pagare-il-10-per-cento-di-tasse

500px, l’alternativa a Flickr

500pxCreato da Ian e Oleg Soboley Gutsol, 500px è una comunità fotografica esistente fin dal 2003, ma rimasta nell’ombra almeno fino al 2009.
L’idea di base è sempre la stessa: la condivisione della propria raccolta fotografica, ma al contrario di altri siti simili, pare sia molto più selettivo. Infatti 500px carica solo le foto che valuta come  qualitativamente al di sopra di un certo livello, proprio per mantenere alta la qualità dello stesso sito.
Ma vediamo per ordine quali sono gli step.
Una volta raggiunto il sito, ci si registra in modo tale da avere un nome riconosciuto all’interno della “comunità”.  Dopo di che si ha la possibilità di fornire una presentazione più completa inserendo alcune nostre informazioni biografiche, relative alla nostra passione per la fotografia, e link correlati.

Nel sito sono inoltre presenti 5 diverse sessioni.
Attraverso la sezione photos potrete accedere a tutte le foto presenti nel database suddivise in popular, scelte dagli editori, preferite, più recenti.
La sezione you  raccoglie tutto ciò che riguarda ogni utente singolarmente: foto, blog, attività ecc.
Con la sezione portfolio, si entra nella parte più interessante del sito, in quanto verrà fornita tutta una serie di template per rendere personalizzata la pagina a vostra disposizione per presentare al meglio le vostre foto.
Nella sezione upload potrete caricare le vostre foto (10 foto alla volta per un massimo di 20 foto a settimana, supportate dal formato .jpg e  di grandezza non superiore ai 30 MB).
In ultimo la sezione  upgrade:  dove è presente la versione PRO.

Questa versione ha un costo di 50$ annui, dando la possibilità a chi ne usufruisce, di non avere limiti di funzionalità: upload, foto, progetti, spazio ecc.
500px mette inoltre a disposizione strumenti come google analytics, fino alla possibilità di rimuovere il banner del sito per sostituirlo con un logo personalizzato.

Post Tagged with ,

    No comments to display