Come-pagare-il-10-per-cento-di-tasse

Attenti alla truffa della Polizia di Stato e della Polizia Postale e delle Comunicazioni

Continua a diffondersi la truffa sul web, ad opera di pirati informatici, con le insegne della Polizia di Stato e della Polizia Postale e delle Comunicazioni.

Virus Polizia di Stato e Polizia PostaleLe Autorità si raccomandano di prestare molta attenzione, dato che è facile essere presi dal panico, e assolutamente di non procedere al pagamento richiesto.

Per avere informazioni potete contattare direttamente le relative autorità della Polizia di Stato e della Polizia Postale e delle Comunicazioni.

Il nostro Staff ha inoltre messo a disposizione un Servizio di supporto per la rimozione dei virus, che potete contattare al cell. 333.2693759. Il Servizio è a pagamento, ad un costo variabile da € 10 + Iva (per la richiesta di informazioni e suggerimenti sulla procedura da adottare) a 25 euro + Iva (per un intervento di ripristino completo).

La truffa è realizzata tramite la diffusione sul web, in modalità differenti (tra cui i pop-up di alcuni siti fra i più visitati in assoluto dagli utenti e file scaricabili comunemente dal web), di file malevoli che vengono assimilati dai PC degli utenti e si installano all’interno del sistema operativo in uso, sostituendosi a file di sistema.
I truffatori riescono a diffondere il virus tramite server localizzati in ucraina.

Il virus (in realtà un malware classificato di classe ransomware) si presenta bloccando il computer all’avvio e facendo comparire una minacciosa schermata, in cui si avvisa l’utente che il computer è sotto sequestro da parte delle Autorità per una grave violazione penale commessa dall’utente (normalmente la minaccia è relativa all’aver visitato siti di pornografia minorile), imponendo per lo sblocco del PC il pagamento di 100 euro.

Ovvio che si tratti di una truffa, dato che un reato penale del genere non si risolverebbe certamente con una semplice sanzione amministrativa.

Purtroppo molto spesso l’utente sottoposto a questo tentativo di truffa, colto impreparato e sottoposto a forte pressione psicologica da questa preoccupante accusa, sceglie di pagare la somma richiesta dai truffatori.
Naturalmente il computer non sarà sbloccato e al danno si aggiungerà la beffa.

Infatti l’utente sarà costretto a provvedere successivamente, tramite idonea assistenza tecnica, allo sblocco del PC, tramite rimozione del virus o, in alternativa, formattazione del sistema operativo.
Essendo i virus differenti fra loro, abbiamo elaborato queste informazioni per consentirvi di poter provvedere voi stessi alla risoluzione del problema.

Per visualizzare gli articoli relativi ai relativi virus cliccate sui link che trovate in fondo a questa pagina.

Lo staff di webmaster-roma

Clicca sul link per vedere la pagina:

- Truffa tramite virus Polizia di Stato

- Truffa tramite virus Polizia Postale e delle Comunicazioni

________________________________________________________________________________________________________

LEGGI GLI ALTRI ARTICOLI CORRELATI:

Come trovare un virus sul tuo computer –> vai all’articolo

Per la sicurezza del tuo PC contro virus e malware –> vai all’articolo

Come rimuovere il virus di Scotland Yard –> vai all’articolo

Cos’è il virus informatico, il più grande nemico del nostro computer! –> vai all’articolo

Attenti alla truffa della Polizia di Stato e della Polizia Postale e delle Comunicazioni –> vai all’articolo

Tutti i virus malware Ransomware, riepilogo e soluzioni per ripristinare il PC –> vai all’articolo

Attenzione al nuovo virus Guardia di Finanza 2 –> vai all’articolo

Allarme virus della Polizia e del ministero dell’ Interno, come ripristinare il PC! –> vai all’articolo

Guida per la rimozione del virus della Polizia di Stato –> vai all’articolo

I migliori antivirus free 2012 –> vai all’articolo

Come rimuovere il virus della SIAE –> vai all’articolo

Microsoft Security Essential non è un buon antivirus –> vai all’articolo

Come rimuovere il virus della Polizia di Stato –> vai all’articolo

Come evitare di formattare il PC se avete un virus! –> vai all’articolo

Virus SIAE vi blocca il PC e vi chiede 100 euro, è Ransomware! –> vai all’articolo

Virus: i Carabinieri ti bloccano il PC! –> vai all’articolo

Hai un virus sul PC? Te lo eliminiamo con un intervento on line! –> vai all’articolo

Il virus dei corpi di Polizia colpisce in tutto il mondo! –> vai all’articolo

Tipologia e descrizione di tutti i virus –> vai all’articolo

Allarme virus: i Carabinieri ti bloccano il PC e ti chiedono 100 euro! –> vai all’articolo

Il virus vi chiede di pagare? E’ Ransomware! –> vai all’articolo

Allarme virus Polizia Postale, come ripristinare il PC! –> vai all’articolo

Come eliminare il virus della Polizia Postale o Polizia delle Comunicazioni –> vai all’articolo

Come rimuovere il virus della Polizia Postale –> vai all’articolo

La Polizia Postale ti blocca il PC? E’ un virus! –> vai all’articolo

La truffa della Guardia di Finanza che ti accusa di aver scaricato filmati on line –> vai all’articolo

Attenzione al virus della Guardia di Finanza, ecco come ripristinare il vostro PC! –> vai all’articolo

Virus, la Guardia di Finanza vi chiede 100 euro per sbloccare il PC! –> vai all’articolo

Virus Guardia di Finanza, ecco come sbloccare il PC! –> vai all’articolo

La Guardia di Finanza vi blocca il PC? E’ un virus! –> vai all’articolo

Nuovo virus : la Guardia di Finanza vi chiede 100 euro per file vietati sul Vs PC! –> vai all’articolo

Windows vi avvisa che è scaduto e dovete attivarlo? Può essere un virus! –> vai all’articolo

Truffa informatica: un virus ti blocca il PC! –> vai all’articolo


  • Webmaster Attenti alla truffa della Polizia di Stato e della Polizia Postale e delle Comunicazioni

    Salve, in questo caso deve utilizzare un altro PC, salvare il file su una pen drive o su un hard disk esterno e collegarlo al PC infetto per importarlo. Successivamente potra' fare l'installazione e la scansione. Sempre se il PC vede l'unita' di memoria esterna. Massimiliano Purinan http://www.Webmaster-Roma.com
    Posted ott 18, 2012

  • Gianluca Attenti alla truffa della Polizia di Stato e della Polizia Postale e delle Comunicazioni

    Ma se internet non è raggiungibile come scarico combofix???
    Posted ott 18, 2012

  • Alex Attenti alla truffa della Polizia di Stato e della Polizia Postale e delle Comunicazioni

    Risolto molto velocemente e perfettamente con ComboFix facendolo partire con modalità provvisoria con promt di comandi, facendo partire il file ComboFix.exe precedentemente scaricato (è gratuito) da internet
    Posted ott 08, 2012

  • Webmaster Attenti alla truffa della Polizia di Stato e della Polizia Postale e delle Comunicazioni

    Salve, i sintomi che ci ha descritto sono molto strani. Per esperienza le dico che è impossibile che un virus sopravviva alla formattazione. Evidentemente non ha attuato correttamente la procedura di formattazione del disco rigido e di reinstallazione del sistema operativo. Oppure può esserci un altro problema, come il disco danneggiato in alcuni settori o difettoso.
    Posted ott 06, 2012

  • rocco Attenti alla truffa della Polizia di Stato e della Polizia Postale e delle Comunicazioni

    Virus Polizia o GDF. Con la versione del ransomware di ottobre 2012 la cosa si complica e di molto, attenzione. In altri due casi precedenti l'ho rimosso senza problemi più o meno come descritto qui nell'articolo, semplicissimo, ma ora la cosa si fa seria. Dopo averle provate tutte (tre tipi di rescue disk - AVIRA-Karspersky-Dr.Web-, avvio con Bart Pe Builder nel tentativo di rimuovere il file infettante) ho formattato il disco rigido; bene scopro che ha scritto nei settori liberi del disco rigido cioè quelli non appartenenti alla partizione. Non so come ma il malaware, ancora presente, impone di registrare subito la copia nuova di XP, ma una volta registrata non la riconosce ed inizia una routine infinita di registrazioni. Quindi ho dovuto eliminare le partizioni dal HD e ripartire da capo. Questo virus è veramente tosto, è da fermare assolutamente. Rocco
    Posted ott 05, 2012

One Response so far.

  1. Giovanni scrive:

    Grazie per le preziose informazioni.

    Giovanni