Sito-web-ai-primi-posti-su-Google

Come creare un disco di ripristino con Windows 7

Il famigerato “Recovery disk” o disco di ripristino andrebbe essere fatto subito dopo l’acquisto del nostro PC, anche se acquistiamo un notebook o un netbook.
E’ bene infatti tenere presente che in fase di acquisto non vi viene fornito alcun supporto sul quale sia presente una copia del sistema operativo. E della sua importanza ci si accorge sempre nel momento peggiore: quando ne abbiamo più bisogno perchè il nostro PC si blocca, non funziona più nel migliore dei modi o addirittura non si riavvia più.

Per questa particolare esigenza il nuovo S.O. di Microsoft, Seven, dispone di una funzione apposita che vi consentirà di realizzare facilmente, nel tempo di circa 20 minuti, una bella copia del sistema operativo.

Vi suggeriamo due procedure alternative (se non riuscite con la prima provate con la seconda) per poter fare il disco di ripristino:

1° procedura:
- andate nel menu start e digitate “Recovery Disk“, quindi cliccate su “Create a Recovery Disc“ ed inserite un DVD vergine (ce ne vogliono almeno 2, a volte 3) nel lettore del computer.
Ora cliccate sul pulsante “Create disc“ e attendete che termini la masterizzazione del 1° dvd
(ci vogliono circa 7/10 minuti), terminata la quale il contenuto del dvd sarà verificato nella sua integrità. Terminata questa verifica vi sarà chiesto di inserire il 2° dvd, che seguirà la stessa procedura.
Se il 2° dvd non è sufficiente vi sarà chiesto di inserirne un 3°.

2° procedura:
- andate nel menu start e cliccate in successione su:
Pannello di controllo“, su “Back up e ripristino“, e (nella col. di sinistra) su “Crea disco di ripristino del sistema“; ora inserite un dvd nel lettore e cliccate su “Crea disco” (verificando che sia selezionata l’unità del lettore dvd, che dovrebbe essere impostata di default).
Se il 1° dvd non è sufficiente vi sarà chiesto di inserirne un 2°, e in caso un 3°.
Il gioco è fatto!

Proprio per la semplicità e per l’affidabilità di questa procedura, che semplifica notevolmente il lavoro degli addetti ai lavori ma anche dei semplici “appassionati” dell’informatica e del fai da te in questo settore, dobbiamo ammettere che Microsoft ha fatto un buon lavoro.

Per semplificarvi ulteriormente il lavoro abbiamo pensato di inserire un video illustrativo, così da consentirvi di seguire passo passo la procedura.

E buon divertimento.

Post Tagged with ,

    No comments to display