Sito-web-ai-primi-posti-su-Google

Guida per la rimozione del virus della Polizia di Stato

Il Virus della Polizia di Stato è uno degli ultimi ad essersi presentato, e di conseguenza dei più evoluti fra tutti i malware “Ransomware”.

Possiamo affermare che questi virus, che sono in realtà dei malware, si stanno sempre più avvicinando all’obiettivo degli hacker, cioè quello di creare il “VIRUS PERFETTO“!

rimozione virus della Polizia di StatoNoi comunque siamo riusciti a trovare una falla nel software malevolo, identificando e testando una procedura per neutralizzarlo e rimuoverlo.

Vi anticipiamo che i test che abbiamo effettuato erano svolti in presenza del Sistema operativo WINDOWS 7 di Microsoft.
Anche se ogni virus fa storia a sè (abbiamo accertato che esistono diverse tipologie di virus, anche quando portano le stesse insegne identificative, come nel caso del virus della Polizia di Stato), con i sistemi operativi VISTA e WINDOWS XP abbiamo avuto seri problemi.
In particolare il più obsoleto dei due, cioè Windows XP, ci ha costretti quasi sempre alla formattazione come ultima risorsa; proprio quello che cerchiamo sempre di evitare, per non far perdere al nsotro cliente i dati conservati sul proprio PC.

Approfittiamo dell’argomento per farvi presente che, in caso di necessità potete contattare il nostro Servizio tecnico chiamando il 333.2693759 (dalle 8.00 alle 20.00).
Il Servizio è a pagamento, ad un costo variabile da € 10 + Iva (per la richiesta di informazioni e suggerimenti sulla procedura da adottare) a 25 euro + Iva (in caso di intervento di ripristino on line completo).
Considerando che l’alternativa è portare il vostro PC da un tecnico ad un costo di almeno 80/100 euro… è sicuramente un bel risparmio!

Detto questo, torniamo al problema: come possiamo rimuovere il Virus della Polizia di Stato e ripristinare le funzionalità del nostro PC senza riformattarlo?

Per tentare la rimozione del virus vi consigliamo queste due procedure:

1. Tentare il ripristino del PC tramite la scansione con il software antimalware “MALWAREBYTES”.

Avviate il PC in modalità provvisoria (premendo ripetutamente il tasto F8 (all’avvio del sistema operativo).
Se vi si apre la schermata della modalità provvisoria selezionate “modalità provvisoria con rete”.
Ad avvio avvenuto accedete ad internet e scaricate l’antimalware MALWAREBYTES (clicca sul link per accedere alla pagina di download).
Scaricatelo sul desktop, successivamente cliccate sull’icona per l’installazione.
Dopo l’installazione avviate il programma e procedete alla scansione, al termine della quale dovrete eliminare tutti gli elementi che l’antimalware avrà trovato.
Successivamente riavviate il PC e verificate che sia tutto a posto.

2. Tentare il ripristino del sistema operativo alla versione precedentemente sicuramente funzionante.

Ripetiamo che la procedura che vi suggeriamo è stata testata sul s.o. Windows 7.

Per realizzarla dovere avviare il PC in modalità provvisoria, premendo F8 all’avvio.
A questo punto selezionate, fra le voci che vi compaiono “Ripristino del Sistema…”.
Attendete il termine delle operazioni di ripristino.
Il PC si riavvierà automaticamente.

Appena avete ottenuto la piena operatività del vostro PC vi consigliamo di fare una scansione con MALWAREBYTES, per essere sicuri che nel sistema non sia presente il virus in fase “dormiente” (dato che potrebbe essere stato già presente a quella data, anche se non si era manifestato), e che non siano presenti altri elementi di rischio.
Terminata la scansione dovrete solo eliminate eventuali malware trovati.

In generale abbiamo riscontrato la necessità di dover adottare diverse modalità per il ripristino del PC, tanto che risulta difficile realizzare una unica procedura di azioni da adottare.
Alcune versioni di questi virus, infatti, non consentono l’avvio in modalità provvisoria (in particolare con Windows XP).
Spesso nelle versioni più recenti, ad esempio, abbiamo riscontrato che il virus si attiva, blocccando l’operatività del sistema operativo e delle sue funzionalità, al momento del collegamento ad internet.

Per questo consigliamo gli utenti che non riescono a risolvere il problema con le guide che abbiamo descritto, di contattare il nostro Servizio tecnico al 333.2693759.
In questo modo, con la descrizione della situazione, avremo modo di guidarvi suggerendovi le azioni da adottare.

Ora vediamo un altro aspetto fondamentale: l’ ANTIVIRUS!

Storicamente abbiamo verificato che questo tipo di “infezione” si presenta su PC che hanno antivirus free di Avast e, in qualche caso altri software, anche di notevole “blasone” e a pagamento.
Ogni antivirus ha i suoi pregi e i suoi difetti ma, senza entrare troppo in tecnicismi, se siete alla ricerca di un buon antivirus gratuito possiamo tranquillamente consigliarvi, in base alla nostra esperienza, AVG.

Per installare AVG dovete innanzitutto disinstallare il vostro attuale antivirus, e successivamente potrete scaricarlo (trovate il link al sito di AVG a fondo pagina), salvandolo sul vostro desktop per poi procedere all’installazione.
Una volta installato avviatelo e procedete con gli aggiornamenti, quindi appena possibile fate una scansione completa del vostro sistema.

Vi assicuriamo che dormirete sonni più tranquilli.

Lo staff di webmaster-roma.com

CLICCA SUL LINK PER SCARICARE –> AVG FREE EDITION 2013

________________________________________________________________________________________________________

LEGGI GLI ALTRI ARTICOLI CORRELATI:

Per la sicurezza del tuo PC contro virus e malware –> vai all’articolo

Attenti alla truffa della Polizia di Stato e della Polizia Postale e delle Comunicazioni –> vai all’articolo

Attenzione al nuovo virus Guardia di Finanza 2 –> vai all’articolo

Allarme virus della Polizia e del ministero dell’ Interno, come ripristinare il PC! –> vai all’articolo

I migliori antivirus free 2012 –> vai all’articolo

Come rimuovere il virus della SIAE –> vai all’articolo

Virus: i Carabinieri ti bloccano il PC! –> vai all’articolo

Hai un virus sul PC? Te lo eliminiamo con un intervento on line! –> vai all’articolo

Come eliminare il virus della Polizia Postale o Polizia delle Comunicazioni –> vai all’articolo

Attenzione al virus della Guardia di Finanza, ecco come ripristinare il vostro PC! –> vai all’articolo

Post Tagged with , , , ,

    No comments to display

One Response so far.

  1. Giovanni scrive:

    Grazie per le preziose informazioni.

    Giovanni