Come-pagare-il-10-per-cento-di-tasse

Privacy, gli italiani temono il web

SicInfGli italiani temono per la sicurezza della loro Privacy in Rete e, consapevoli dei possibili pericoli per l’integrità e per la riservatezza dei propri dati, si tutelano sempre di più.
Questo è ciò che trapela dalle statistiche fatte negli ultimi periodi:
- un italiano su tre si dichiara spaventato da Internet e consapevole della sempre crescente mancanza di privacy;
- un italiano su due, invece, equipara la poca sicurezza presente sul web a quella della vita reale.

Le truffe e frodi maggiormente temute dagli abitanti dello stivale sono quelle relative ai conti correnti bancari e al trattamento dei dati sensibili; sotto queste, altro rischio molto temuto, è la sottrazione della password della posta elettronica con i relativi rischi dei dati personali a cui si può facilmente accedere.

Più del 90% degli italiani è consapevole del fatto che navigare in Rete è altamente pericoloso e cerca di affidarsi a software di sicurezza, adottando accorgimenti sempre maggiori: password difficili da criptare, tralasciare la lettura di e-mail sospette, utilizzare antivirus e spyware sembrano essere i metodi che gli italiani adottano maggiormente.

Post Tagged with

    No comments to display

4 Responses so far.

  1. valentina scrive:

    Ottima guida, occorre solo una piccola precisazione..

    a fine scansione, quando malwarebytes dice di riavviare il pc, bisogna rimandare il riavvio, andare nell’elenco dei file in quarantena ed eliminarli, e solo dopo riavviare il pc.

    In caso contrario, al riavvio siamo da capo (almeno, per me è andata così)

    :)

    • Webmaster scrive:

      Grazie della precisazione, abbiamo provveduto ad integrare la guida inserendo questa soluzione, che avevamo già testato in precedenza.

      Cordialmente,
      lo staff di Webmaster-Roma

  2. danilo scrive:

    Veramente un ottima e lineare guida per la eliminazione del problema.
    Rimango deluso dal vedere come, pur avendo un antivirus “blasonato”,non abbia visto minimamente il virus, e questo mi fa pensare parecchio sull’efficacia di alcuni antivirus a pagamento.
    Grazie ancora, e vi faccio i complimenti per il sito. Credo possa essere di aiuto per parecchie persone.
    Un saluto.
    Danilo.

    • Webmaster scrive:

      Salve,

      innanzitutto grazie per i complimenti, fanno sempre piacere perchè sono un riconoscimento all’impegno del nostro team.
      Non sempre le nostre guide sono utili al 100% dato che i pirati informatici evolvono continuamente i loro virus.
      Noi cerchiamo di stare al passo con loro e con la loro evoluzione tecnologica.
      E di essere utili agli utenti del web.

      Sono lieto che lei sia riuscito a risolvere il problema.

      Riguardo agli antivirus purtroppo il fatto che abbiano un gran nome o che siano a pagamento non implica che siano, di fatto, efficaci.
      Statisticamente ho rilevato che uno del migliori antivirus, che consiglio, è AVG nella versione “AVG Free Edition 2012″ (oggi è disponibile l’evoluzione, la versione 2013). E si tratta di un antivirus assolutamente gratuito!
      Questo dovrebbe far riflettere.

      Cordialmente,
      Massimiliano Purinan